100×100 Venezia

city blog

Sfratto alla libreria Mondadori: arrivano le borsette di Louis Vuitton.

Posted on | November 25, 2010 | Comments Off

Venezia- Benetton sfratta la Libreria Mondadori a San Marco e apre la porta a Louis Vuitton. Al posto dei libri si venderanno borsette di lusso. Un altro colpo mortale alla Venezia che tenta di resistere investendo sulle attività rivolte ai residenti. La storia della libreria a due passi da Piazza San Marco è ben nota a tutti. L’immobile, di proprietà della famiglia Benetton, era stato dato in affitto sei anni fa a Giovanni Pelizzato, titolare della storica Libreria Toletta. Tutto bene fino a quando, allo scadere del contratto in essere, per il rinnovo Benetton aveva alzato la cifra, pena il mancato rinnovo. Le trattative, in corso da mesi, avevano fatto sperare fino all’ultimo. Intanto la città si era mossa con una raccolta di firme per dimostrare sostegno e per riconoscenza al prezioso lavoro fatto da Giovanni Pelizzato nello Spazio Eventi dell’ultimo piano dell’immobile. La chiusura definitiva delle trattative si è letta sulle pagine della Nuova Venezia, con un articolo firmato da Alberto Vittucci dall’inquietante titolo:  «Addio Mondadori, borse di lusso al posto dei libri».

In realtà, lo stesso titolare Pelizzato, nel sito del movimento “40xVenezia”  smentisce la messa in atto dello sfratto e lascia intendere che non è ancora detta l’ultima parola, lasciando trasparire ancora ottimismo. Di certo , per ora, c’è la cassa integrazione di 10 mesi per i 13 dipendenti della libreria Mondadori grazie ad un accordo con l’Ascom. Intanto la famiglia Benetton va avanti indisturbata. Tanto da lasciare sbigottiti i veneziani sulla politica messa in atto in città. Prima l’annuncio di metà estate di trasformare il Fontego dei Tedeschi in albergo di lusso e maga store con tanto di scale mobili e terrazza sopraelevata sul Canal Grande, adesso lo sfratto alla Libreria Mondadori. Puro atteggiamento commerciale senza alcuna considerazione per la storia dei luoghi e delle persone. Il Fontego dei Tedeschi, da sempre, è stato luogo frequentato dai veneziani per la presenza delle Poste Centrali, così come lo Spazio Eventi della Libreria Mondadori che ha fatto incrociare cultura e residenzialità. Ma cosa dice in merito il sindaco Giorgio Orsoni? Fino ad ora non si è ancora espresso.

Gioia Tiozzo

Share

Comments

Comments are closed.