100×100 Venezia

city blog

“l’Automa” di Paolo Ventura.

Posted on | April 26, 2011 | Comments Off

Venezia, il Ghetto, la Seconda Guerra Mondiale e il Nazismo: tragica storia finita male. All’artista Paolo Ventura bastano 20 fotografie e poche righe per ricordare la più crudele delle vicende del XX secolo. Un racconto dove si spiegano cose terribili – come la persecuzione, i rastrellamenti in Ghetto, la paura e l’isolamento di chi deve rimanere nascosto – senza mai mostrare la cruda violenza. La capacità narrativa e i mezzi dell’artista sono davvero efficaci. La cornice offerta da Palazzo Fortuny, in uno spazio espositivo che per essenzialità risalta ancora di più le immagini, fanno il resto. Paolo Ventura, fotografo che vive e lavora tra New York e la Toscana, propone nella sua mostra intitolata “L’Automa” un percorso narrativo ripescando tra i suoi ricordi d’infanzia.

Una storia raccontatagli dal padre mille volte e ogni volta con un finale diverso. Raccontare ad un bambino cosa sia il Nazismo non è certo facile e allora, forse, il papà di Paolo Ventura ha tolto “l’elemento umano” e lo ha sostituito con  un “ automa” che poi farà la fine che è toccata agli ebrei del Ghetto. E senza parlare di treni piombati e forni crematori, “l’Automa” finisce in una canale di Venezia. Da adulto, Paolo Ventura, prova a spiegare con la sua sensibilità di artista, la storia di questo sfortunato “bambino-automa” del Ghetto. Un modellino e un set scenografico in miniatura sono gli elementi usati da Paolo Ventura per scattare le foto del racconto. Realtà e illusione si mescolano sapientemente perché la Venezia ricreata dall’immagine è assolutamente “falsa” mentre la storia è paradossalmente “vera”.Ed è vera  la storia di quanto successo in Ghetto durante la Seconda Guerra Mondiale ed allo stesso modo  “falsa”   la storia dell’Automa, che non esiste ma che alla fine “muore”. Un gioco tra realtà e finzione che ricorda molto la narrazione onirica. Un incubo che subisci la notte, al risveglio riprendi a vivere e vai avanti nonostante tutto.

Gioia Tiozzo

Paolo Ventura, “L’Automa”

Palazzo Fortuny

4 marzo – 8 maggio

www.museiciviciveneziani.it

Share

Comments

Comments are closed.